Archivio per la categoria ‘Bilancio’

Care lettrici, cari lettori,

vorrei rivivere con voi il viaggio che il nostro Comune ha percorso dal 2013 ad oggi nel campo dell’Urbanistica, dell’Innovazione e dell’Energia, ossia i miei tre referati come Assessore.
Ho pensato di riepilogare le numerose tappe utilizzando un metodo nuovo, intuitivo e soprattutto comprensibile, così da poter essere fruito da tutti.
Iniziamo quindi dall’Urbanistica:

Dobbiamo sempre chiederci: “da dove si inizia per un buon governo di un territorio?” La risposta è ovviamente dall’ascolto e coinvolgimento nei vari processi amministrativi della sua popolazione, usando metodi e strumenti più trasparenti possibili.

infografica-urbanistica-2

La buona amministrazione di un territorio fonda le proprie radici sulla pianificazione, sulla concretezza, sulle azioni, sulle cose fatte insomma. Un metro importante anche per valutare il nostro operato. Abbiamo il dovere di ascoltare ed essere presenti, ma soprattutto dobbiamo poi mettere in campo azioni vere, reali e governarle al meglio collaborando con funzionari, tecnici e dipendenti comunali.

“Lasciare un posto migliore di come lo abbiamo trovato” è sempre stato il mio principio d’azione e dovrà sempre esserlo, soprattutto quando si amministra il bene pubblico. Le azioni politiche devono avere ricadute reali e positive sul territorio e sui cittadini: eccovi appunto alcuni risultati concreti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Per approfondire ed entrare più nel dettaglio

delle cose fatte nel campo dell’urbanistica in questi 4 anni e mezzo cliccate qui sotto per visualizzare e leggere comodamente un chiaro

riassunto infografico:

Clicca qui sopra!

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Annunci

sangiorgio

Variante al Piano Regolatore, PAES, Piano del verde, banda ultralarga ….

Il 2017 è iniziato da subito forte e con ritmi serrati. Qui di seguito ho ritenuto utile fare una carrellata delle novità, degli aggiornamenti, dei chiarimenti … insomma tutto ciò di cui abbiamo parlato nel primo mese dell’anno, gennaio.

Ovviamente per specifiche richieste di informazioni contattatemi pure dove preferite:
una semplice email su bonetto.davide@gmail.com oppure anche un semplice messaggio sui miei social (Facebook, Twitter ..)

Per ulteriori curiosità e approfondimenti visitate davidebonetto.com

Carissimi lettori e lettrici,

è un po’ di tempo che non intervengo sul blog. Il  motivo è semplice, in quest’ultimo periodo sto dedicando moltissimo del mio tempo (extra lavoro) ad interloquire direttamente con le persone, avviando di fatto una vasta e seria campagna di “ascolto” e “confronto” con  i cittadini su vari campi e tematiche.  Un’iniziativa che ritengo fondamentale dopo 3 densi anni di amministrazione, creando quindi un momento utile  per fare il punto nave su obiettivi centrati, aspettative mancate, criticità risolte o ancora da risolvere.

Un impegno molto serio ed intenso quindi, che tuttavia non ha assolutamente rallentato l’attività amministrativa e politica sotto le mie competenze, anzi è un ulteriore esperienza che mi motiva a spingere ancora di più su nuovi progetti ed iniziative.

Proprio ieri sera si è svolto un importante Consiglio comunale, dove abbiamo discusso ed approvato il bilancio preventivo 2016. Tralascio gli aspetti meramente tecnici e considerazioni sul contesto difficoltoso e complicato in cui operiamo oramai da 3 anni. Non è semplice ed è sotto gli occhi di chiunque, ciò nonostante ci siamo candidati, siamo stati votati ed eletti, pertanto è nostro dovere affrontare la realtà con la giusta professionalità, passione, ragionevolezza per trovare tutte le soluzioni agli ostacoli che ci troviamo lungo il percorso.

Mai come oggi il Cittadino non necessita più di miracoli o promesse faraoiniche ma di ascolto, concretezza e capacità di risolvere i problemi (anche quelli minimali) o perlomeno avere il coraggio di affrontarli.

Venendo ora al bilancio, il dato significativo è che di fronte ai cospicui tagli alle spese correnti che abbiamo dovuto per forza di cose (nuove normative, vincoli economici, ecc) effettuare, manterremo comunque per il 2016 e gli anni a venire l’attuale ottimo livello standard di servizi al cittadino.

Nei prossimi post a partire da domani, entrerò nel dettaglio e nello specifico della programmazione 2016 in tema di Urbanistica, Politiche Energetiche ed Innovazione.

A prestissimo quindi!

Un abbraccio

Davide

PS: per segnalazioni, suggerimenti o necessità scrivetemi pure su bonetto.davide@gmail.com

MV 01-12-15

immagine

Ci siamo.

Lunedì finalmente adotteremo la variante n.44 al Piano Regolatore Comunale (POC). Una variante molto sentita e richiesta dai cittadini e dalle piccole realtà economiche.

Sono state apportate modifiche davvero molto innovative, “green”, sostenibili, di semplificazione e di agevolazione fiscale e volumetrica all’interno delle zone residenziali esistenti con l’auspicio che tali azioni possano dare una spinta forte e decisa ad uno sviluppo “sostenibile” di San Giorgio di Nogaro ed a un deciso e concreto rilancio del  settore dell’edilizia e dell’impiantistica residenziale, favorendo nella fattispecie il recupero e la ristrutturazione degli edifici esistenti nei centri storici (zone A e B0) e nelle altre zone residenziali già urbanizzate sia nel capoluogo che nelle frazioni. Sono state peraltro inserite importanti prescrizioni normative in tema di efficientamento energetico degli edifici, produzione energia tramite FER (fonti energetiche rinnovabili), indici e parametri per zone a verde, sistemate e corrette e riperimetrate alcune zonizzazioni.

Ci tengo peraltro a rimarcare infine una strategia fondamentale:

stiamo attuando ed attueremo una politica urbanistica che guarda al futuro ed alla sostenibilità ambientale del territorio. Con questa variante abbiamo ridotto il “consumo di suolo”, ossia la superficie residenziale, in maniera importante nell’ordine del 5%. La riduzione di aree residenziali apportata è in se un elemento positivo, riconosciuto da tutti, questo dato però non è frutto solo dell’iniziativa dell’Amministrazione, ma si  deve leggere anche come esito di evoluzione strutturale e congiunturale a livello generale. La crisi economica ma anche l’evoluzione socio-culturale e le problematiche legate ai cambiamenti climatici hanno ulteriormente sensibilizzato i cittadini rendendo necessario pensare in modo diverso il territorio e l’ambiente: puntare sulla rigenerazione e sul recupero, capire valutare con intelligenza le esigenze dei privati, venire incontro ai piccoli investitori ed alle piccole imprese, dando qualità massima agli interventi”.

Chiaro e concreto dunque il messaggio politico:

Sfruttare concretamente gli strumenti di pianificazione urbanistica per accompagnare ed incentivare la ripartenza economico/sociale del tessuto sangiorgino nella speranza che queste azioni abbiano ricadute positive anche nell’occupazione lavorativa.

 

Un caro saluto

Davide

12068032_10207925267194191_2078125874_n (1)

Anche qui una doverosa premessa, in due anni di mandato il Comune ha  fatto passi da gigante nel campo delle nuove tecnologie, dell’informatica e delle TIC (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione).

San Giorgio è riconosciuta anche da Insiel come uno dei comuni medio/piccoli che in questi ultimi due anni  ha più investito risorse economiche in questo campo e quindi anche esempio di ente locale virtuoso dal punto di vista dell’innovazione. Non torno a rielencare quanto già fatto (30 hot spot wifi pubblici connessi alla banda larga pubblica, aggiornamento sistema informatico gestionale della biblioteca, ecc) un esempio evidente però voglio portarlo:

nel 2014 abbiamo investito circa 15.000 euro in lavori di allacciamento in fibra ottica (telefonia/internet/dati) di Villa Dora al Municipio, questo modesto investimento ci ha permesso di ottimizzare la contrattualistica telefonica-internet comunale realizzando successivamente un sistema telefonico generale in VoiP realizzando un unico nuovo centralino e sostituendo tutti gli apparecchi telefonici. Il risparmio previsto annualmente rispetto al passato si attesta in circa 7.000 euro annui, pertanto, in soli 3 anni rientreremo ampiamente dell’investimento sia della fibra, sia di un impianto telefonico di nuova generazione. Questo è un classico esempio di buona amministrazione, ossia:

 investimento, miglioramento del servizio, riduzione della spesa.

Detto questo passiamo a quanto ci aspetta nei prossimi mesi:

  1. Sempre nell’ottica dell’ampliamento della copertura internet pubblica in WiFi legata ad una completa interconnessione in banda larga degli edifici pubblici, estenderemo la dorsale della fibra ottica comunale alla nuova autostazione degli autobus;
  1. Compatibilmente alla disponibilità ufficiale, (per ora solo ufficiosa) da parte di INSIEL valuteremo e successivamente con l’ok dei Consiglieri Comunali realizzeremo un nuovo impianto riprese audiovisivo presso sala consiliare Municipio
  1. Attiveremo le APP gratuite INSIEL sul portale comunale:
    1. piano regolatore online;
    2. geosegnalazioni;
  2.  spese servizi informatiche varie – imprevisti – Acquisto nuove licenze e programmi PC
  1. Da settembre verrà convocato il Forum sviluppo e innovazione che si occuperà di sviluppare in maniera aperta l’Agenda Digitale Comunale al fine Sarà necessario predisporre un documento, di supporto ed importante per poter ragionare a 360 gradi sull’Innovazione, perchè è un elemento strategico, ma ha la necessità di sviluppare un progetto valido e di lungo respiro, che guarda ai prossimi 4 – 5 anni e non solo al futuro immediato.

L’Agenda Digitale sarà il contenitore di tutto il settore dell’Innovazione e sarà collegata ai nuovi progetti e linee politiche di pianificazione urbanistica che vi ho illustrato prima

Perché un agenda digitale  locale?

L’agenda digitale locale è un documento programmatico che definisce come la cittadinanza intende utilizzare le innovazione tecnologiche (cosiddette ICT – tecnologie dell’informazione e comunicazione) per migliorare la qualità della vita dei cittadini. Avere una propria agenda digitale è una raccomandazione a livello europeo. Anche la Commissione dell’Unione Europea, infatti, ha presentato un’agenda digitale, una delle sette iniziative faro per il 2020 che fissa obiettivi per la crescita di tutti i paesi dell’Unione. Anche nella nostra San Giorgio quindi, adotteremo un’agenda digitale locale per  potenziare gli aspetti che ci vedono già all’avanguardia e dare il via a nuove attività e progetti, con il concorso di tutti gli attori sociali, da quello dei singoli cittadini a quello delle organizzazioni, delle istituzioni, delle associazioni d’interesse e rappresentanza. Sarà il nostro modo di diventare in futuro una smart city.

L’Agenda Digitale del Comune di San Giorgio, si pone un importante obiettivo: quello di contribuire ad un  maggiore coinvolgimento della cittadinanza, della società civile e del tessuto produttivo, attraverso l’uso della tecnologia, collegando stili di vita e consumo, bisogni e aspirazioni di residenti, attività economiche, city user e turisti.

L’Agenda Digitale dovrà quindi porsi al servizio della multiforme comunità sangiorgina, della sua coesione, delle sue relazioni e del suo potenziale di innovazione.

Il confronto sull’Agenda Digitale sarà oggetto di un percorso partecipato.

Tale percorso vedrà coinvolti portatori di interesse, imprese e cittadini in vari momenti offline e online di elaborazione e co-definizione della nostra progettualità.

A presto!

Davide

MV 29-09-15