Posts contrassegnato dai tag ‘paes’

Care lettrici, cari lettori,

il nostro viaggio di questi ultimi 4 anni e mezzo  prosegue con nuove e affascinanti tappe, quelle legate all’energia, all’ambiente, al clima.

Energia, ambiente, cambiamenti climatici, inquinamento sono tematiche delicate che riguardano anche il nostro territorio. Per affrontarle al meglio sono stati prima di tutto informati e formati i cittadini attraverso alcuni incontri pubblici molto partecipati. Per le questioni più tecniche invece ho potuto avere l’ottima collaborazione e confronto di professionisti ed aziende locali, enti ed organi regionali. Prioritaria e fondamentale è stata sicuramente l’adesione del Comune di San Giorgio di Nogaro all’iniziativa europea del “Patto dei Sindaci”.

Dallo studio alla pianificazione ai fatti. Trasformare la sensibilità ambientale in azioni vere che migliorano la vivibilità e l’ambiente di un territorio ed allo stesso tempo ottimizzano la gestione delle “casse pubbliche”. Riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare ed impiantistico comunale significa minor inquinamento, minori costi, ma anche rispetto e dovere nei confronti dei cittadini. Il tutto al fine di trovare soluzioni sostenibili al fine di migliorare costantemente i servizi pubblici locali.

“Patto dei Sindaci” e PAES sono progetti importanti che pianificano il futuro ma pure il presente. Abbiamo impostato e avviato una precisa politica energetica ed ambientale con un obiettivo principale: aumentare la vivibilità di San Giorgio di Nogaro partendo dalla salvaguardia e miglioramento dell’ambiente, dell’aria, della terra, dell’acqua, del sistema di mobilità urbana. Dovere della pubblica amministrazione è dare l’esempio. Sono già ottimi i primi risultati di 4 anni di intenso lavoro nel campo dell’efficientamento energetico e delle fonti rinnovabili.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il futuro? Eccolo:

 

Per approfondire ed entrare più nel dettaglio

delle cose fatte nel campo dell’ENERGIA in questi 4 anni e mezzo cliccate qui sotto per visualizzare e leggere comodamente un chiaro

riassunto infografico:

Clicca qui sopra!

Save

Save

Save

Annunci

Breaking news pasquale:

Continua la fase partecipativa occorrente alla redazione del PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile) previsto dal “Patto dei Sindaci.

In queste settimane – con appositi tavoli tematici – stiamo incontrando gli “stakeholders” locali, ossia i portatori d’interesse (aziende e tecnici) per raccogliere spunti, suggerimenti, proposte su tutto ciò che riguarda l’efficientamento energetico e la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Abbiamo però ritenuto utile predisporre il sottostante modulo di partecipazione avviando di fatto anche la fase di  coinvolgimento della popolazione e dei cittadini. Peraltro, stiamo preparando un ricco calendario di eventi di informazione e sensibilizzazione su queste tematiche. Vi aggiornerò a breve.

Colgo l’occasione per augurare a tutte le lettrici ed i lettori buone festività pasquali!

PIANO D’AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) – Modulo di partecipazione

(altro…)

Strumenti di sostegno pubblico all'abitare

La Giunta regionale ha fissato ad oggi, lunedì 19 dicembre 2016, la data di inizio della presentazione da parte dei privati cittadini interessati delle domande di contributo del nuovo canale dell’edilizia agevolata (art. 18 della legge regionale 1/2016).

Cliccando sull’immagine sopra o al seguente link http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/famiglia-casa/casa/FOGLIA8/ potete visionare tutti i dettagli.

Per comodità riepilogo qui di seguito alcune informazioni generali:

  • Nell’ambito degli incentivi di “edilizia agevolata” di cui alla L.R. 1/2016 per “Prima Casa” si intende l’alloggio adibito ad abitazione e residenza anagrafica con dimora abituale dei beneficiari, e avente destinazione d’uso residenziale attribuita alla stessa in coerenza con le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali.
  • Le iniziative per le quali è possibile richiedere il contributo di “edilizia agevolata” sono: il RECUPERO della prima casa, e l’ACQUISTO CON CONTESTUALE RECUPERO della prima casa, come di seguito specificate.
    • Per RECUPERO si intende l’iniziativa attuata dal proprietario o usufruttuario che successivamente alla presentazione della domanda di contributo avvia sull’abitazione uno dei seguenti interventi (così come definiti dalla legge regionale 19/2009):
      – RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA
      – RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA
      – RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO
      – MANUTENZIONE STRAORDINARIA.
      A tali interventi sono equiparati interventi che comprendono ALMENO TRE dei seguenti lavori di manutenzione volti all’efficientamento energetico o messa a norma di impianti, anche se realizzati su parti comuni degli edifici:
      Installazione di impianti solari termici o fotovoltaici
      Installazione o sostituzione di caldaie per il riscaldamento con installazione o rifacimento dei relativi impianti
      Isolamento termico pareti esterne verticali
      Isolamento termico, anche di copertura, di solai
      Installazione impianti geotermici.
    • Per ACQUISTO CON CONTESTUALE RECUPERO si intende l’iniziativa volta a:
      a) acquisire, successivamente alla presentazione della domanda di contributo l’intera proprietà di una o più unità immobiliari, SU CUI L’ACQUIRENTE EFFETTUA, successivamente alla compravendita, gli interventi di
      RECUPERO sopra indicati, al fine di realizzare una sola unità immobiliare.
      b) acquisire, successivamente alla presentazione della domanda di contributo, l’intera proprietà di una unità immobiliare, SU CUI LA PARTE VENDITRICE ABBIA EFFETTUATO, almeno uno degli interventi di RECUPERO sopra indicati (con esclusione degli interventi equiparati). Alla data di presentazione della domanda gli interventi di recupero devono essere iniziati da oltre un anno ovvero ultimati da non più di due anni.
  • I contributi di “edilizia agevolata” sono erogati a fronte di una spesa per la realizzazione degli interventi direttamente sostenuta dal beneficiario e rimasta effettivamente a suo carico non inferiore a 30.000,00 euro. Non concorrono alla determinazione della spesa le spese tecniche, gli oneri fiscali e le spese notarili.
  • Gli incentivi di “edilizia agevolata” consistono in contributi in conto capitale, erogati in un’unica soluzione successivamente alla conclusione delle iniziative finanziabili. L’entità dei contributi è la seguente:
    a) per l’Acquisto con contestuale recupero: 15.000,00 euro
    b) per la Ristrutturazione urbanistica, Ristrutturazione edilizia, il Restauro e risanamento conservativo: 13.000,00 euro
    c) per la Manutenzione straordinaria, e per gli “Interventi integrati”: 10.000,00 euro.
  • ……….

Continua su http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/famiglia-casa/casa/FOGLIA8/

A seguito dell’adesione del Comune di San Giorgio di Nogaro al programma europeo “Patto dei Sindaci – Convent of Mayors” è stata avviata dall’Amministrazione comunale la stesura del PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile).
Pertanto, si è ritenuto utile e doveroso coinvolgere fin da subito cittadini, associazioni, aziende, professionisti, stakeholder e portatori d’interesse, illustrando la prima fase di tale piano, nello specifico il BEI che si traduce in inventario di base delle emissioni.

Per delineare il profilo energetico di San Giorgio di Nogaro è stato realizzato quindi un Inventario delle emissioni (BEI) che traccia le emissioni annue di CO2 relative agli usi energetici finali del territorio comunale.
L’Inventario comprende le emissioni per le quali l’Amministrazione comunale ha competenza diretta o ha modo di intervenire in forma indiretta, attraverso il coinvolgimento di interlocutori chiave o mediante strumenti regolatori.
Il BEI costituisce il quadro conoscitivo del PAES ed evidenzia gli ambiti su cui è necessario intervenire per ridurre le emissioni. Come anno di riferimento per l’inventario è stato assunto il 2013.
I dati sui consumi sono stati raccolti ed elaborati per vettore energetico e per macrosettore:
– pubblico, residenziale, terziario, trasporti, agricoltura e industria

Appuntamento quindi per il giorno giovedì 15 dicembre p.v. a partire dalle ore 18.00 presso la sala multimediale posta al primo piano dell’edificio Liberty di Villa Dora

paes-evento-2016
Per ulteriori info:
https://bonettodavide.wordpress.com/energia/

“San Giorgio di Nogaro tra i primi Comuni in Italia ad avviare una fase partecipativa completa per la stesura del nuovo Regolamento Edilizio comunale”

Come avevo già anticipato abbiamo sperimentato per la prima volta una fase partecipativa completa al fine di redigere il nuovo Regolamento Edilizio comunale il quale nascerà con un approccio totalmente innovativo e con il coinvolgimento non solo dei tecnici comunali, ma anche della cittadinanza; a tal fine in questi mesi sono stati distribuiti sul territorio comunale 2000 questionari elaborati ad hoc appunto per stimolare i cittadini a chiedere o proporre soluzioni. In parallelo sono stati costituiti tavoli tematici ai quali sono stati invitati oltre 100 soggetti tra tecnici e professionisti locali, imprese, ditte ed agenzie immobiliari operanti in zona affinché il nuovo Regolamento Edilizio rappresenti gli interessi di tutta la comunità. Questa fase partecipativa è stata accompagnata da quasi 3 mesi di specifico  front desk / Sportello Informativo, corredata da tre conferenze tematiche portando a San Giorgio di Nogaro tecnici di livello nazionale ed internazionale e docenti universitari che hanno illustrato gli aspetti tecnici e le potenzialità di questo strumento urbanistico.

A conclusione di questa prima fase è stato redatto il Diario della partecipazione,  il quale documenta il processo partecipativo che è stato sviluppato, all’interno del Comune di San Giorgio, per coinvolgere la popolazione e raccogliere proposte, dati ed informazioni necessarie per l’elaborazione del capitolo sulla sostenibilità all’interno del nuovo regolamento edilizio comunale.

Il regolamento edilizio, pur essendo un documento tecnico, può trarre grande vantaggio da un confronto allargato con la popolazione, i tecnici ed i portatori di interesse. La fase di partecipazione ha visto la raccolta preliminare di proposte sul tema della sostenibilità inerenti il regolamento tramite appositi incontri, tavoli tematici e questionari.  Sono state raccolte quindi in modo preciso,  tutte le informazioni, i dati e le considerazioni emerse, all’interno dei capitoli dedicati alle diverse azioni attuate. In questo modo, il tecnico o il pubblico amministratore potrà usare questo documento per avere uno spaccato, un’istantanea fedele sullo stato dell’arte e sul percepito rispetto al tema e trarne spunto per le proprie attività.

Un grande esempio quindi di vera partecipazione e collaborazione tra l’Amministrazione pubblica e i cittadini, esempio da estendere anche in altri ambiti della gestione della cosa pubblica.

Pubblico qui di seguito alcune slide significative che cercano di riassumere questi densi mesi di lavoro:

nature

FASE PARTECIPATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO

 CICLO CONFERENZE – ULTIMO TAVOLO TEMATICO 

“ESEMPI DI QUALITA’ ARCHITETTONICA GENERATA ATTRAVERSO IL REGOLAMENTO EDILIZIO”

Si conclude venerdì 4 marzo alle ore 18.00 presso la sala conferenze delle Barchesse di Villa Dora , con la conferenza del famoso architetto Paolo Brescia di OBR Open Building Research la fase partecipativa del regolamento edilizio del Comune di San Giorgio di Nogaro.

Abbiamo sperimentato per la prima volta una fase partecipativa completa al fine di redigere il nuovo Regolamento Edilizio comunale il quale nascerà con un approccio totalmente innovativo e con il coinvolgimento non solo dei tecnici comunali, ma anche della cittadinanza; a tal fine in questi mesi sono stati distribuiti sul territorio comunale 2000 questionari elaborati ad hoc appunto per stimolare i cittadini a chiedere o proporre soluzioni. In parallelo sono stati costituiti tavoli tematici ai quali sono stati invitati oltre 100 soggetti tra tecnici e professionisti locali, imprese, ditte ed agenzie immobiliari operanti in zona affinché il nuovo Regolamento Edilizio rappresenti gli interessi di tutta la comunità. Questa fase partecipativa è stata accompagnata da quasi 3 mesi di specifico  front desk / Sportello Informativo, corredata da tre conferenze tematiche coordinate dall’architetto Gabriele Pitacco, portando a San Giorgio di Nogaro tecnici di livello nazionale ed internazionale e docenti universitari che hanno illustrato gli aspetti tecnici e le potenzialità di questo strumento urbanistico.

Come già anticipato sopra, la conferenza finale di venerdì vedrà come relatore Paolo Brescia, socio e fondatore di OBR / Open Building Research, tra i più importanti studi di architettura che, con sedi a Milano, Londra e Mumbai, opera a livello internazionale.

La conferenza presenterà esempi concreti di qualità architettonica generata attraverso lo strumento del regolamento edilizio a partire dal pluri – premiato complesso residenziale Milanofiori ad Assago: un edificio gradonato che crea un passaggio graduale da interni abitati ad un paesaggio “naturale”, che valorizza la relazione interno – esterni, producendo, attraverso le serre bioclimatiche, un paesaggio personalizzabile direttamente dall’utente. Un complesso residenziale composto da tre settori che insieme realizzano un impianto a “C” che abbraccia il giardino interno e si articola in una facciata caratterizzata da una doppia vetrata nella quale si inseriscono le serre bioclimatiche previste proprio dal regolamento edilizio.

Qui di seguito alcune informazioni professionali del nostro importante ospite:
Paolo Brescia dopo gli studi all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales a Parigi con  Jacques Derrida, al Politecnico di Milano con Pierluigi Nicolin e alla Architectural Association di Londra entra nel Renzo Piano Building Workshop dove lavora fino a quando fonda OBR Open Building Research.
OBR Open Building Research nasce nel 2000 dall’idea di creare una rete tra Genova, Barcelona, Milano, New York, ricercando nuovi modi di abitare contemporaneo operando nelle aree di confluenza tra architettura e paesaggio, in un continuum spazio-temporale dove avvengano scambi dinamici tra uomo e ambiente.
Numerosi i premi e le menzioni dello studio, dal Royal Institute of British Architects di Londra la menzione d’onore AR Awards for emergine Architecture nel 2007 per il Museo di Pitagora a Crotone, al concorso per il Polo Intermodale di Trieste (2002 primo premio), la Galleria Sabauda nel Palazzo Reale di Torino (2004 primo premio), l’estensione dell’Aeroporto di Reggio Calabria (2006 primo premio), il nuovo ponte sul Polcevera a Genova (2006 primo premio).

Vi aspetto!
Davide

P.S. Agli Architetti iscritti all’ordine partecipanti all’incontro (previa registrazione), verranno assegnati dei crediti formativi specifici.

Per ulteriori info:
Front Desk / Sportello Informativo, dal 15 gennaio al 12 marzo, presso l’edificio Liberty-“Infopoint Villa Dora” in via Aquileia/Piazza Plebiscito.
Apertura al pubblico: il venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, il sabato dalle 9 alle 13
Contatti: tel. 340.400.62.38 – email: sire.sangiorgio@gmail.com.